Loading....

Categoria: Avis News

Fiabe sonore

(G. N.) Sabato 6 aprile, al Teatro di via Dante di Castellanza, il consueto concerto di Primavera dell’Avis Castellanzese, questa volta con inizio alle 17,30 invece che alla sera.

Diretto dal Maestro Prof. Daniele Balleello, il Corpo Musicale S. Cecilia si è esibito presentando le musiche di alcune opere dedicate alle fiabe (Aladdin, Pinocchio, Cenerentola, la Bella e la Bestia, Frozen, Il libro della Giungla, La Sirenetta) create da importanti compositori (Menken Carpi, Rossini, Lopez, Sherman).

Sul palco, oltre ai musicisti impegnati nelle esecuzioni dei brani scelti per l’occasione, Valeria Balleello (evidentemente “figlia d’arte”) ha cantato alcuni dei testi relativi alle opere; e Danilo Lamperti li ha accompagnati con qualche commento. Un bello spettacolo, originale e davvero interessante. 

 

Tempo di IRPEF

L’Avis di Busto Arsizio e Valle Olona, essendo una ONLUS, è inserita come in passato nell’elenco dei soggetti a cui in sede di dichiarazione dei redditi può essere destinato il 5X1000 delle imposte.

A chi fosse interessato, ricordiamo che il codice fiscale da riportare nell’apposito modello è:

900 111 30 128

 

Tra le entrate del nostro bilancio 2018 figura la somma di  3626,00 Euro ricevuta dalla Agenzia delle Entrate quale erogazione del 5X1000 delle denunce del 2016 relative ai redditi del 2015.

Un grazie a donatori, amici e simpatizzanti  che hanno offerto questo significativo sostegno alle iniziative dell’Associazione, ed un grazie anticipato a quanti vorranno farlo in futuro

Assemblea 2019. Documenti

Sul numero di DONARE 1/2019 del mese di marzo compare un resoconto sull’Assemblea di Busto e Valle del 24 febbraio scorso. Per consentire agli interessati di approfondire le principali tematiche trattate, vengono qui pubblicati i seguenti documenti che si possono aprire cliccando sopra il link:

  • La Relazione associativa presentata dal presidente Marco Roncari
  • La Relazione economica presentata dall’amministratore dottoressa Patrizia Spagarino
  • Il Bilancio consuntivo 2018
  • Il Bilancio previsionale 2019
  • La Relazione medica presentata dal direttore sanitario dottor Vittore Malacrida
  • L’intervento del dottor Giovanni Crovetti, responsabile del Servizio Emotrasfusionale ospedaliero, che ha attivamente partecipato come gradito ospite ai lavori assembleari; al riguardo va tenuto presente che i dati esposti si riferiscono non solo all’Avis di Busto e Valle ma all’intera attività ospedaliera.

Testamento biologico

(lu.pi) Un interessante e importante incontro si è tenuto, il 13 febbraio scorso, presso l’Aula sr. Bianca all’interno dell’Ospedale di Busto Arsizio.

 

Le norme di legge

Prima di illustrare i vari interventi, mi sembra doveroso cercare di spiegare alcuni elementi base della Legge 219 del 22/12/2017 sul Testamento Biologico. Essa prevede che ogni attività di cura medica sia preventivamente descritta al paziente (consenso informato) a meno che lo stesso abbia manifestato la volontà di non avere informazioni. Prevede anche la possibilità di rinunciare a determinate cure, quali l’idratazione e l’alimentazione artificiale, la ventilazione forzata, ecc. che possono essere intese come accanimenti terapeutici

Nell’art. 4 è indicato che ogni cittadino può, non deve, ma può, decidere se proseguire o rinunciare a certi tipi di trattamenti sanitari in casi di estrema gravità del proprio stato di salute; questa decisione è detta Disposizione Anticipata di Trattamento (DAT) e viene redatta in uno stato di completa capacità di intendere e volere. Per la redazione di una DAT è suggerito un diretto colloquio con il proprio medico di base che dovrà fornire tutte quelle informazioni necessarie a far sì che la DAT sia compilata con completa cognizione di causa. La DAT può essere realizzata con tutti i mezzi di comunicazione, cartacea e/o elettronica, deve prevedere la nomina di un “fiduciario” che possa far rispettare le volontà dell’interessato anche in caso di sua incoscienza dello stesso, e depositata o presso un notaio o presso il Comune di residenza.

Si ribadisce il fatto che la Legge consente, ma non obbliga, ad ogni cittadino di esprimere le proprie volontà sul problema delle cure mediche nello stadio finale di condizioni di salute molto gravi e, normalmente, irreversibili.

 

L’introduzione al Convegno

Durante questo convegno si è parlato della “relativamente” nuova legge (219 del 22/12/2017) inerente al Testamento Biologico, ai suoi aspetti pratici, etici, e del punto di vista di alcune comunità religiose presenti nel nostro territorio.

Dopo i brevi interventi tesi a presentare le motivazioni dell’incontro, fatti dal Direttore dell’ASST dr Eugenio Porfido, dell’Assessore Miriam Arabini e dai responsabili degli Enti patrocinatori, si è passato alla presentazione e valutazione della Legge.

La dr.ssa Rossana Grassi, funzionaria dell’Anagrafe Comunale, ha spiegato che l’espressione della propria volontà sulle eventuali cure o arresto delle stesse, può essere effettuata tramite un atto notarile (con i relativi costi), oppure presentando le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento) all’ufficio di Stato Civile, in forma completamente gratuita, depositando una dichiarazione privata, fatta con la guida di un esperto, allegandola a un modulo di consegna predisposto (scaricabile su: DAT Comune di Busto Arsizio).

L’avv. Sergio Fucci ha ricordato che la Legge “consente” ma non “obbliga” ad esprimere anticipatamente la propria volontà in caso di gravi condizioni di salute nello stadio finale della nostra vita. Ricorda anche che questa possibilità era stata prevista dai nostri Padri Costituzionali nel lontano 1948 nell’art. 32. Spiega che le proprie volontà possono essere modificate in ogni momento della nostra vita e che per garantirne l’applicazione si deve nominare, nel DAT, un proprio fiduciario che possa prendere le decisioni espresse anche in caso di incapacità da parte dell’interessato.

La dr.ssa Laila Cortese, medico di base, ha spiegato le funzioni importantissime del medico nell’aiutare il cittadino a comprendere il significato delle sue scelte, spiegando con cura ed attenzione il significato ed il valore di tali decisioni e le loro eventuali conseguenze, a volte definitive.

Il dr. Alberto Scanni, medico cattolico oncologo, pur confermando che la Legge non consente l’eutanasia, ha delle perplessità in riguardo alla “sedazione profonda” che, andando a bloccare i centri nervosi per evitare la sensazione del dolore (può o potrebbe portare anche a blocchi funzionali di cuore e polmoni) tale pratica è importante per l’ammalato evitandogli inutili sofferenze. Lo scopo principale di questa terapia è quello di evitare al paziente un prolungato stato di sofferenza, quando non si hanno  possibilità di ripresa ad accettabili condizioni di vita.

 

I punti di vista  delle Religioni 

A questo punto sono iniziati degli interventi che, pur senza sottovalutare l’importanza dei precedenti, sono stati quelli che più mi hanno colpito e sui quali ero più “curioso”. Infatti si è parlato della valutazione della Legge dal punto di vista religioso. Tengo a precisare che quanto segue sono mie interpretazioni degli interventi, mi scuso quindi coi Relatori per eventuali errate interpretazioni delle loro parole.

 

La sig.ra Daniela Di Caro, pastora della Chiesa Valdese, ha spiegato che accogliere la domanda di morte è come accogliere la domanda di vita futura; ognuno deve rispondere direttamente a Dio della propria vita o della scelta di morte serena. Lo Stato non può vietare il diritto di accompagnare una persona ad una morte serena quando non vi sono più speranze.

Il dr, Alberto Somekh, direttore della Scuola Rabbinica, pur non dichiarandosi contrario a questa Legge, ha spiegato che secondo la religione ebraica la cura del’ammalato è un dovere religioso; si pone il problema del consenso informato, ma se il paziente è incosciente? A questo punto ritiene che sia il Rabbino, seguendo il diritto ebraico, a prendere la decisione finale in base alle esperienze precedenti. Rifiuta ogni forma di eutanasia, mentre il problema dell’accanimento terapeutico è ancora in discussione, ritenendo che la sospensione dei trattamenti, per qualsiasi motivo, possa corrispondere ad un omicidio.

Il sig. Yusuf Abd al Hakim Carrara, Vicepresidente della Comunità Religiosa Islamica, ricorda che il Corano non ammette il suicidio e l’atto di togliere la vita ad un altro essere umano (un chiarimento sulle azioni degli integralisti). L’Islamismo si è dichiarato contrario all’accanimento terapeutico qualora non vi siano benché minime possibilità di recupero delle funzioni vitali autonome. La decisione finale dovrebbe essere demandata ai familiari con il sostegno spirituale del religioso. Sono assolutamente contrari ad un eventuale riconoscimento dell’eutanasia.

Il Venerabile Tenzin Khentze, monaco buddista tibetano, si è dichiarato ben lieto dell’approvazione di questa Legge, in quanto in essa vi è il rispetto dell’Uomo, consentendo la libera scelta di vita e di morte. Sarà poi il suo futuro (reincarnazione) a giudicare le sue scelte. Ribadisce che la Legge rispetta e responsabilizza le persone ponendole davanti a delle decisioni importanti. Ritiene non accettabile l’accanimento terapeutico, in quanto considerato una forzatura senza speranza. Anche la possibilità di effettuare l’eutanasia dovrebbe essere inclusa, in quanto espressione del diritto di scelta dell’essere umano.

Al termine degli interventi il pubblico, che riempiva la sala, ha posto diversi quesiti ed effettuato anche delle riflessioni personali.

POSTA CELERE

Il 9 dicembre scorso, nella piccola e graziosa piazzetta San Lorenzo, in collaborazione con la locale sezione AIDO e la Pro Loco, la sottosezione Avis di Olgiate Olona ha proposto la consueta manifestazione “POSTA CELERE”, che consiste nel raccogliere in una letterina i desideri di ogni bimbo da recapitare a Babbo Natale affidandola a un palloncino luminoso, lasciato libero di volare nel buio della notte verso la meta.

La manifestazione ha ottenuto come di consuetudine un notevole successo, infatti, sono stati liberati un considerevole numero di palloncini, circa 250, e una numerosa partecipazione di persone, rifocillate per attenuare la rigida temperatura con caldo vin brulé, cioccolata e zucchero filato.

La manifestazione ha poi avuto un simpatico seguito: uno dei palloncini ha concluso la sua corsa al Vigorelli di Milano dove ha sede una Associazione ciclistica. La letterina, raccolta da uno dei soci, ha fatto sì che lui, con altri tre compagni, decidessero di far visita al mittente in sella alle loro biciclette (non poteva essere altrimenti) consegnando dei doni ai ragazzi in un vero clima natalizio. Un particolare ringraziamento alla Pro Loco per il supporto avuto, e un arrivederci per il prossimo Santo Natale.

 

Befana a Borsano

Per il Gruppo di Borsano questo anno si è aperto con l’arrivo, seppure in ritardo, della Befana.

Infatti lunedì 7 gennaio alcuni rappresentanti di Avis Borsano si sono recati presso i due asili del paese (Sioli e San Giuseppe) accompagnati da una Befana d’eccezione, donando ad ogni bimbo delle calze contenenti dei cioccolatini.

Le calze contenevano anche un messaggio per i genitori in cui li si invitava, se non lo fossero di già, a diventare Donatori, con alcune indicazioni su chi può donare e come fare per diventarlo.

E’ stato bellissimo vedere lo stupore dei bimbi al momento dell’ingresso nella sale della Befana, come sono state numerose le domande, competenti, sul fatto che non fosse entrata in volo, che la scopa non era la tradizionale di saggina e come mai era arrivata con un giorno di ritardo.

Un ringraziamento a tutto il personale che ha concesso l’autorizzazione ad effettuare questa giornata ed in particolare alla Società varesina che ha fornito gratuitamente i prodotti.

(Luigi Pinciroli)

 

Invito alle Assemblee

Con il mese di gennaio inizia la importante stagione delle Assemblee avisine. Per noi di Busto e Valle l’appuntamento centrale è fissato per domenica 24 febbraio, secondo la CONVOCAZIONE qui riportata.

Ma prima si sono svolte le assemblee delle sottosezioni; e dopo siamo interessati all’assemblea Provinciale di Varese, quella Regionale di Lombardia (a Monza il 4 maggio) ed infine all’Assemblea Nazionale (Riccione, da venerdì 17 a domenica 19 maggio).

Date e modalità per la partecipazione, aperta come uditori a tutti gli avisini, saranno disponibili prossimamente. 

Ognuno di noi porti il suo contributo, assieme costruiremo una AVIS migliore.

C’è bisogno di tutti. Ci vediamo in Assemblea.

 

CONVOCAZIONE 2019

Trenta secondi

Le manifestazioni per festeggiare l’ottantesimo compleanno della nostra Avis, si sono concluse con un’ultima iniziativa, indirizzata verso i ragazzi delle scuole medie superiori, rivolgendo uno sguardo verso le moderne modalità di comunicazione che trovano oggi larga diffusione tra i più giovani.
In collaborazione con il Liceo Artistico Candiani, i ragazzi sono stati invitati a proporre brevi “videomessaggi”, appunto di trenta secondi, sul tema dell’invito a donare sangue con AVIS. Sono giunte 15 risposte, tutte centrate sull’argomento e ben fatte. I videomessaggi sono stati proiettati, unitamente ai cortometraggi del precedente concorso “audiovisivi”, in occasione della Serata del 16 novembre scorso e li potete trovare qui sotto.
Ai ragazzi che hanno partecipato al concorso è destinato un piccolo riconoscimento come segno della gratitudine avisina.

Back To Top